Come usare i social media per promuovere attività green

I social media sono cresciuti in modo esponenziale, ma resta da capire come sfruttare appieno le loro potenzialità per aiutarci a promuovere le nostrre credenziali green.
Paul Paybould, responsabile del digital e social marketing della CarbonNeutral Company, spiega in un’intervista in 10 punti come alcune attività possano trarre il meglio da Facebook, Twitter, Linkedin, Youtube…

Articolo originale
Come responsabile del digital e social marketing della CarbonNeutral Company, ho consiglio spesso i nostri clienti su come promuovere i loro risultati a favore della riduzione di emissioni di carbonio. Volevo condividere una breve introduzione ai social media ed al loro uso, in quanto è una richiesta che mi viene fatta spesso.
Che cosa sono i social media?

I social media implicano la partecipazione degli utenti e / o contenuti generati dagli utenti. Popolari piattaforme di social media sono Twitter, Facebook, YouTube, LinkedIn, Wikipedia, Google + e Foursquare, oltre a siti di social bookmarking come Delicious, e siti di social news come Digg o Reddit.

Specifiche tecniche di social media includono la creazione di profili, blog, micro blogging (noto anche come tweeting), valutazioni e recensioni, oltre a video, foto, podcast ed alla creazione di presentazioni ed alla loro condivisione.

Farò le mie raccomandazioni per limitare i canali e gli strumenti di uso comune da parte delle imprese, tra cui Twitter, Facebook, LinkedIn, YouTube e blog.

Chi utilizza i social media?

Una recente ricerca di ComScore dice che i siti di social networking raggiungono l’82% degli utenti Internet globali. Facebook raggiunge ormai oltre la metà del pubblico globale del mondo, e rappresenta uno ogni sette minuti spesi online in tutto il mondo. Nel mese di ottobre 2011, Twitter ha raggiunto uno su dieci utenti di internet in tutto il mondo, essendo cresciuto quasi il 60% nell’ultimo anno.

Secondo Econsultancy, il 91% delle imprese afferma che i social media stanno diventando sempre più importante per la loro strategia di marketing globale. Nel loro rapporto ‘State of Social 2011‘ , l’87% del totale delle società intervistate dicono di utilizzare Twitter come parte della loro strategia di social media marketing, e l’82% Facebook. Altre piattaforme popolari per le imprese includono YouTube (69%) e LinkedIn (57%).

10 consigli e suggerimenti per l’utilizzo di social media per promuovere le Green Company

1) Creazione dei profili

Pensate a ciò che si vuole raggiungere e quali sono i canali migliori per raggiungere il vostro target di riferimento. Per esempio, se si sta puntando a raggiungere le aziende allora si può prendere in considerazione LinkedIn e Twitter, che possono essere più utili di Facebook.

Chiedete a voi stessi, quali sono gli obiettivi della vostra presenza nei social media? Chi gestirà la vostra presenza sui social media? Hanno bisogno di linee guida da seguire per contribuire a rappresentare la società in modo appropriato? Un buon punto di partenza è quello di seguire le aziende e marchi simili ai vostri, così come quelli che vi piacciono. Guardate come bilanciano il tono della comunicazione, per essere professionali in un ambiente informale.

Ecco alcuni semplici passaggi che consentono di creare un account professionale Twitter, una pagina Facebook ed un profilo professionale per LinkedIn.

Vi consiglio di seguire specialisti del settore ambientale come @Forum4theFuture, @GuardianSustBiz e @BusinessGreen.

2) I contenuti rilevanti

Pensate a ciò che sarebbe di rilevanza e di interesse per il vostro pubblico, e cercate di creare e condividere contenuti ricordandovi l’obiettivo. In questo modo si aumenta rapidamente una preziosa base di fan e di abbonati che condivideranno i vostri contenuti per aiutarvi a espandere la vostra portata.

Pensate a contenuti che si possano usare in diversi formati attraverso vari canali. Ad esempio, una breve video intervista può essere poco costosa da produrre, ma consente di beneficiare della popolarità dei video online. Un buon esempio include questa intervista al direttore del TUI Sustainable Development.

3) Stabilire la vostra esperienza

Forum on-line e gruppi consentono di impegnarsi in dibattiti e discussioni sugli specifici argomenti di vostro interesse, al fine di elevare il profilo della vostra organizzazione ed essere riconosciuti come esperti della materia. I miei preferiti forum online includono gruppi di LinkedIn.

Ricordate: Quando si partecipa a discussioni online l’obiettivo è quello di dimostrare conoscenze e le competenze, non vendere i vostri servizi. Cercare di utilizzare i social media come canale di vendita porterà rapidamente a perdere Like e fans, e nel peggiore dei casi essere bannati per ‘spamming’.

I Blog aziendali offrono un ottimo modo per dimostrare la competenza, innalzare il profilo della propria organizzazione, e aumentare la consapevolezza dei vostri successi ambientali. Per un buon esempio di una società con un blog efficace, guardate il nostro gruppo commerciale dei nostri clienti.

Consentire a diverse persone della vostra società di scrivere post sul blog, assicura contenuto fresco ed interessante proveniente da esperti, oltre a far sentire le persone incluse. Ecco alcuni suggerimenti per scrivere un blog aziendale.

4) Ascoltate e rispondete

I social media rendono facile per i clienti entrare in contatto con la vostra azienda. Invece di usarli come un tradizionale strumento di comunicazione monodirezionale, in cui semplicemente trasmettete messaggi, utilizzateli per trovare i sostenitori per la vostra azienda e gli influencers per il vostro settore. Dove possibile impegnatevi in una conversazione con loro attraverso i social media, ed osservate le conversazioni che hanno per capire le loro esigenze e gli interessi principali. I Social media offromo un’opportunità unica per entrare in contatto con i tuoi clienti in un modo diverso rispetto ad altri canali di comunicazione. A seconda delle dimensioni dell’organizzazione e la base clienti, è possibile scegliere di impostare gli account dei social media in modo che si concentrino in particolare sul servizio al cliente come Thomson Holidays Twitter o First Choice Holidays account Facebook.

5) Le tendenze del mercato e dei concorrenti

Fate ‘Like’ sulle pagine di Facebook, ‘follow’ sui profili Twitter, e ‘subscribe’ ai canali YouTube dei vostri concorrenti per ottenere informazioni preziose per quello che stanno facendo per soddisfare la domanda crescente di prodotti e servizi ecocompatibili. Si sono impegnati a conseguire obiettivi di riduzione del carbonio? Hanno partecipato o hanno vinto alcun premio verde? Hanno una politica di CSR? Stanno usando i social media per comunicare le loro pratiche di business sostenibile?

Se la risposta a uno di questi è sì, allora che cosa si può fare come azienda per superare i loro successi ed eccellere come leaders nel vostro campo?

Se la risposta è no, allora come può una società usare i social media per guadagnare un vantaggio rispetto ai vostri concorrenti?

6) Con hashtags

Se avete poca dimestichezza con Twitter, allora la quantità di contenuti può sembrare eccessiva. Gli individui e le organizzazioni utilizzano hashtags come un modo conveniente per consentire alle persone di ordinare i contenuti in argomenti rilevanti. Per esempio, se si ricerca Twitter per #ambiente o la #sostenibilità è possibile trovare contenuti pertinenti a questi argomenti. Includete hashtags rilevanti nei vostri tweet come un modo per permettere alle persone di trovare i vostri contenuti e iniziare a seguirvi per saperne di più.

Ecco una lista di popolari hashtags green, che è possibile utilizzare in tweets rilevanti.

7) Ottimizzazione dei motori di ricerca

Ci sono molti fattori nei motori di ricerca come Google per determinare quali siti web mostrare nei loro risultati di ricerca. Un fattore importante è il numero di link ad un sito web, e questo include collegamenti dai social media.

Due dei miei colleghi hanno recentemente partecipato ad una conferenza discutendo PAS 2060 (simile al nostro protocollo CarbonNeutral, PAS 2060 delinea il processo necessario per diventare carbon neutral.) Inviare i tweet dall’evento che comprendeva hashtag #pas2060 ha consentito alla nostra pagina web PAS 2060 di crescere nelle ricerche Google in UK .

Avere una pagina web che elenca i vostri obiettivi ambientali e le realizzazioni e linkarli in tweets con le parole chiave rilevanti, vi sarà di aiuto come parte della strategia sui motori di reicerca.

8) Rispondete ai reclami ed alle critiche

Molte aziende temono i social media a causa della loro natura aperta e la possibilità di ricevere reclami e le critiche in un forum pubblico. In un mondo di crescente scetticismo intorno a rivendicazioni green, essere in grado di rispondere alle preoccupazioni dei cittadini o alle domande nei social media può essere efficace per ridurre il sentimento negativo circa la vostra azienda o i vostri sforzi ambientali. Nella sua forma più efficace, rispondere pubblicamente ai clienti offre la possibilità di convertire un parere negativo in atteggiamento positivo nei confonti della vostra azienda. Questo interessante articolo fornisce una guida per far diventare commentatori negativi in sostenitori del brand.

9) Promuovete i vostri sforzi nei social media

E ‘necessario promuovere la tua presenza sui social media attraverso gli attuali canali predisposti per assicurare il successo. Aggiungi sociali pulsanti multimediali al tuo sito web e le firme e-mail che incoraggiano le persone a ‘seguire’ e fare ‘Like’.

È anche possibile ggiungere pulsanti, c.d. ‘social plugins’, al tuo sito web, pagina web e blog, che permettono facilmente ai visitatori di condividere la vostra pagina con i propri amici di Facebook, su Twitter, nei gruppi di LinkedIn, ecc

10) Misurate

Poichè i social media sono un canale più qualitativo che quantitativo di marketing, la misurazione dei risultati può essere difficile. Alcune aziende utilizzano software di “monitoraggio dei sentimenti” per misurazioni qualitative, anche se i risultati variano in termini di affidabilità.

Le Metriche tipiche che è possibile misurare sono ad es. i Follow e i Likes, il numero di visite al tuo sito da social media e per quanto tempo (c.d. permanenza) i visitatori vi rimangono (strumenti come bitly e Google Analytics possono aiutare per questo), le pagine che persone provenienti dai social media stanno visitando, i retweet , i commenti sul tuo blog, discussioni positive e negative sulla vostra azienda o di una marca all’interno dei social media, lead e vendite acquisite, i rapporti con i clienti e le prospettive, e le metriche come Klout che mirano a misurare la vostra influenza.

Spero che abbiate trovato questo post essere interessante e utile. Ovviamente i social media sono un argomento molto vasto quindi è impossibile coprire tutto in un unico post. Se avete altri suggerimenti e consigli per favore aggiungeteli utilizzando la casella dei commenti qui sotto. per seguire l’autore dell’articolo seguitelo su Twitter @carbonneutralco

Sustainability Photo via Shutterstock

Annunci

Fare Marketing su facebook, in 10 step.

Con i suoi 800 milioni di utenti, Facebook è diventato un punto di incontro del mondo.
In Italia a differenza che in altri Paesi, il numero di aziende che usano Facebook in modo professionale è ancora piuttosto basso, soprattutto se confrontiamo questo dato con il numero di italiani che su Facebook passano molte ore per settimana. Oggi infatti sono iscritti a Facebook oltre 18 milioni di utenti italiani (qui i dati generali aggiornati al 2011).  Probabilmente la scarsa utilizzazione in termini di business di questo strumento è in parte dovuta ad una scarsa conoscenza, spesso solo superficiale e ludica, delle reali potenzialità di uno degli strumenti più interessanti che la storia recente ci ha regalato.

Quali che siano le motivazioni, di seguito si offrono alcuni suggerimenti per inquadrare meglio il fenomeno Facebook ed ottimizzare i propri risultati, dedicando alcuni giorni alle diverse fasi di seguito consigliate.

STEP 1: GUARDA & IMPARA

Passa un po’ di tempo esplorando altre Pagine su Facebook. Fai qualche ricerca per trovare attività commerciali affini alle tue o quelle dei tuoi concorrenti. Guarda le pagine di Facebook dei grandi marchi E segui le marche che seguono i vostri clienti
1. Vai a http://www.facebook.com/search per iniziare la tua ricerca
2. Selezionare l’opzione Pagine per filtrare i risultati per pagine.
3. Inserisci concorrenti diretti o parole chiave nel tuo settore per trovare pagine che possano appartenere alla vostra nicchia.

Spesso le ricerche di FB sono incomplete, Nel caso non troviate la pagina cercata, è possibile andare sul sito web dell’azienda che state cercando per vedere se hanno un link alla loro pagina di Facebook. È inoltre possibile utilizzare l’alternativa di terze parti http://www.FBInstant.net  strumento di ricerca per fare qualche indagine.

Date un’occhiata ad alcune pagine di successo di Facebook in questi articoli:
A llFacebook
HubSpot
• Jeff Bullas
Social Media Examiner

Cosa cercare su queste pagine? Si raccolgono informazioni su cosa sta funzionando,  tenendo conto di questi punti chiave:

  1. Quanto spesso è aggiornata la pagina? Quali sono gli orari in cui vengono postati nuovi contenuti?
  2. Cosa stanno postando? Cosa sta ottenendo la maggiore interazione – immagini, link, video, domande? Che cosa sta funzionando per loro? (Suggerimento: copia quello che funziona…)
  3. Quante persone pubblicano contenuti direttamente sulla pagina? Quanti rispondono ad un messaggio? Prendete nota del nuovo “persone che parlano di questo”, è un numero che traccia in un periodo di una settimana le seguenti metriche:
  • Persone a cui piace la tua pagina
  • Persone che hanno pubblicato qualcosa sul vostro Wall
  • Pubblicano contenuti sul vostro wall
  • Esprimono un Like, commentando o la condividendo uno dei post della tua pagina (o altri contenuti della pagina – come foto, video, album)
  • Risposte a una domanda che hai postato
  • RSVP ad evento creato dalla tua pagina
  • Tag della pagina in un aggiornamento di stato o una foto
  • Hanno fatto un Check-in del  vostro Luogo
  • Persone a cui piace o che  condividono un’offerta

La pagina ha una scheda di benvenuto o qualsiasi altra scheda personalizzata? Come funziona la scheda di benvenuto? Quali altre schede hanno? Le schede (dette anche tab) si trovano sulla barra laterale sinistra della pagina di Facebook.
Cerca di notare anche cosa non funzionano per le pagine e che cosa puoi fare di meglio.

STEP 2: PRATICHE PER CAPIRE MEGLIO FACEBOOK
Ora che avete speso tempo alla ricerca della concorrenza e dei grandi marchi, è possibile notare alcune regole non scritte di Facebook. Se è vero che non ci sono regole ferree nei social media, ci sono alcune “buone pratiche” generali di base.
In definitiva si dovrà ritagliarsi la propria strada scoprendo quello che funziona con il pubblico e che cosa hanno vogliono da voi.
Noterete che le marche di successo su Facebook non predicano, e non tentano solo di vendere prodotti e servizi alla loro base di fan, ma si impegnano con loro. Proprio come nel mondo reale. I clienti sanno quando un venditore è in malafede, e lo rifiutano. Sanno anche quando un venditore è veramente interessato a capire le loro esigenze e trovare il modo migliore per soddisfare tali esigenze. Facebook non è diverso.
In questo esempio potete notare come Trading Post Sierra fa offerte speciali per i suoi Fans, ma lo fa anche in forma divertente, che è quello che la loro comunità si aspetta:

Ma quali sono alcune di queste “regole non scritte” che si possono guidare i messaggi della tua pagina Facebook? Qui puoi trovare alcune buone regole generali che sarà necessario adattare in base al tuo tipo di pubblico:

1) Posta tutti i giorni: Questo può sembrare eccessivo , ma bisogna considerare che l’attività su facebook è quotidiana, e le persone ogni giorno si iscrivono a nuove pagine ed interagiscono con gli altri, e potrebbero perdere i vostri Post. Facebook è come una radio, se non sei in ascolto in un certo periodo, perdi i contenuti che vengono trasmessi
Ci sono studi che mostrano che 3-5 post al giorno possono essere una buona quantità per le pagine. (assicurarati di variare i messaggi e osserva le statistiche per vedere che cosa funziona meglio). Si può decidere che si può interrompere il fine settimana, ma anche rendersi conto che il fine settimana è quando molta gente è su Facebook…

2)  Focus sul coinvolgimento: Si sta tentando di collegarsi con e ricevere risposta dalla vostra comunità. Fai domande, invia suggerimenti utili, link ad articoli che la tua audience apprezzerà e condividerà. Quando si cerca di stabilire una relazione vera, condividendo materiale interessante e utile, si sviluppa un rapporto più ricco e più profondo con la propria comunità. E importante dedicare il giusto tempo a partecipare alle discussioni e rispondere alle domande sul vostro Wall

3)  Prevedi una “call to action”: Chiedi espressamente alle persone di fare un Like o di commentare un post, o invitali a guardare un video o ad andare sul tuo sito web.

4) Non esagerare: A nessuno piace essere riempito di offerte promozionali. Esponi le tuoi promozioni di volta in volta. Un rapporto equilibrato può essere 80/20. Se intendiamo postare 5 contenuti, 4 di questi saranno relativi a temi di interesse per i fan, ed uno riguarderà un’offerta

5) Interagisci in modo divertente: Facebook è una comunità sociale. Le persone sono lì per divertirsi. Questo è un luogo dove potete rilassarvi, spogliandovi un po’ della veste aziendale. Rimanete fedeli al vostro brand, ma pensate a modi per intrattenere il pubblico.

Queste regole sono un buon punto di partenza, ma occorre sempre guardare quello che funziona per voi. Non c’è un modo “giusto” di fare tutto su Facebook.

STEP 3: IMPARARE IL LINGO – il linguaggio di Facebook

Imparare a parlare il linguaggio di Facebook è più semplice di quanTo possa essere declinare verbi di una lingua straniera. Ecco cosa dovete sapere:
Applicazione, o “App” in breve – Applicazioni, applicazioni, o applet sono programmi software su misura per interagire con gli utenti di Facebook. Generalmente sono applicazioni web standard che potrebbero funzionare su qualsiasi sito web utilizzando comuni linguaggi di programmazione, ma sono specializzati in quanto possono interagire con la base dati di Facebook attraverso le API (Application Programming Interface) che eseguono chiamate per verificare se è in esecuzione l’applicazione e offrono un po ‘di informazioni sui nostri amici e interessi (con relative autorizzazioni x la privacy). In Facebook, le Apps sono utilizzate per facilitare la condivisione dei contenuti o l’interazione tra le funzioni della tua Pagina, del tuo sito web o blog, e gli utenti. Le Applicazioni possono includere giochi di Facebook come FarmVille, ma anche applicazioni di business come ad esempio l’app per mostrare il tuo profilo LinkedIn o canale YouTube nella tua pagina Facebook.

EdgeRank – I dettagli in un’altra fase,  ma EdgeRank è l’algoritmo che Facebook usa per determinare quali sono i contenuti postati su Facebook che qualsiasi utente arriva a vedere nella sua News Feed in un dato momento quando accede al proprio account Facebook.

Fan – Quando si sceglie di esprimere un “MiPiace” sulla pagina di un’organizzazione, si diventa Fan di questa pagina.  Il termine è rimasto, anche se il “become a Fan” è stato sostituito dalla metà del 2010, quando Facebook ha cambiato da Fan Pages a Business Pages su cui gli utenti potessero fare Like

Friend – Uno dei termini più complicati di Facebook, l’amico è usato come un sostantivo e un verbo nel linguaggio di Facebook. Come sostantivo, un amico è qualcuno con cui hai stabilito una connessione nella rete sociale. Questa connessione si chiama diventare “amici” (A quanto pare, le  conoscenze di programmazione di Zuckerberg sono state superiori alle sue capacita grammaticali).
Facebook è stato diverso da Twitter e Google + (ma simile a LinkedIn) per il fatto che le persone dovevano esprimere reciprocamente la volontà di diventare amici (sincrono) a differenza di Twitter, in cui la relazione è asincrona, essendo possibile seguire qualcuno che non è un nostro a sua volta nostro follewer. La situazione è cambiata un po nel settembre 2011 con l’avvento della funzione Ricevi gli aggiornamenti. Ora è possibile collegarsi a qualcuno senza  richiedere l’amicizia, ed ottenendo gli stessi aggiornamenti che ricevono i loro amici, se la persone che si vuole seguire ha abilitato la funzione.

Friend List –  Così come nel mondo reale, un elenco Amico è proprio quello che sembra. Una lista o gruppo organizzato dei tuoi amici di Facebook. Facebook ha sviluppato la possibilità di liste di amici recentemente,  in risposta alla critica comune che le persone raramente vogliono condividere un elemento con tutti i loro amici. I vostri collaboratori ei vostri nonni non hanno bisogno di vedere le foto del tuo ultimo party selvaggio e solo una manciata di amici sarà davvero interessata al fatto che è stata aggiunta una nuova specie nella tua collezione di farfalle. Scrivere in una Friend List risolve questo problema e Facebook ha addirittura creato segmentazioni ‘lista intelligente’ sulla base di ciò che conosce dei tuoi amici.

Group – Un gruppo di Facebook è un gruppo di utenti di Facebook organizzato attorno ad un interesse comune. Ogni utente di Facebook può creare un gruppo. I Membri del Gruppo possono impegnarsi in chat di gruppo dal vivo e sono in grado di ricevere le notifiche stile mailing list.

Like  – Ok, ecco il termine più difficile di tutti. Nel mondo di Facebook, “Like” ha diversi potenziali significati:
1) Quando qualcuno professa la sua affinità per una pagina, significa che gli piace, “Like”, e così diventa un fan,
2) Quando un utente vuole esprimere il suo accordo ad un commento di un altro utente sul suo muro o feed di notizie, farà Like sul commento;
3) Un pulsante “Like” può essere installato su siti al di fuori di Facebook, attraverso appositi badges che installati sui vostri siti o blog, consentono all’utente di esprimere un Like ad una pagina del sito o ad un post del blog. E questa azione produce a sua volta una storia sul suo feed, in cui racconta che ha fatto un Like su un post…
Giusto per essere chiari, il pulsante Like in questo caso  non si traduce in una persona che diventa un “Fan”, ma invia per una sola volta una storia nella feed della persona.

Alla conferenza di Facebook 2011 gli sviluppatori hanno annunciato che ‘Like’ sarebbe presto diventato solo uno dei molti verbi. Gli sviluppatori hanno detto che avrebbero potuto iniziare a scrivere applicazioni in cui gli utenti possono anche ‘Ascoltare’, ‘Guardare’ e ‘Leggere’.

Network – Nel gergo di Facebook, una rete è un’associazione di utenti di Facebook sulla base di una scuola comune o di un datore di lavoro.

News Feed – dove vengono aggregati i messaggi  del wall dei tuoi amici, che vengono visualizzati in una sezione della tua home page di Facebook. Mantiene gli utenti informati di ciò che i loro amici (o le pagine che seguono) stanno facendo.

Open Graph – Il grafico Open è la gioia di un programmatore. Si tratta di una API (Application Program Interface) che consente ai siti esterni di scambiare informazioni con il database degli utenti di Facebook. Per esempio, se si fa clic sul pulsante Like in un articolo, questo sarà ricordato per sempre nella Open Graph. O ancora, se visiti un sito musicale o di intrattenimento e permetti l’accesso al tuo account facebook, inizierà a dare qualche informazione in più su di te. Alcuni siti partner attentamente selezionati possono ottenere informazioni limitate, senza nemmeno chiedere in permesso all’utente, a causa della ‘personalizzazione istantanea‘. Visita Tripadvisor mentre sei connessa/o a Facebook per vedere come funziona. Potrai anche vedere una mappa personalizzata di tutte le città che i tuoi amici di Facebook hanno visitato.

Pagina Una pagina è come un sito web con home page di Facebook. Le aziende, prodotti, artisti, personaggi pubblici, le cause di beneficenza e simili possono usare la propria pagina come punto di partenza per l’interazione con i loro fan.

Social Plugins – I Plugin sociali sono applicazioni che si installano e risiedono sul tuo sito web. Aiutano a collegare il vostro sito ei vostri fan alla tua pagina di Facebook. Essi possono ad es. mostrare ai visitatori del tuo sito chi del loro network ha interagito con la pagina e possono generare raccomandazioni per il social network basato sulle interazioni tra la vostra azienda e i vostri fan.
Il pulsante Like, è solo il più noto social-plugins ma è solo uno dei tanti. Il Box Like può essere aggiunto al tuo sito per consentire alle persone di diventare Fans della pagina senza abbandonare il tuo sito http://developers.facebook.com/docs/plugins/

Tag – Gli amici possono “taggare” i loro amici in messaggi, foto, note, video digitando il simbolo @ e poi il nome della persona. Quindi si seleziona il nome da un elenco a discesa. La persona riceverà anche una notifica che la informerà di essere stata taggata. Persone e altre Pagine possono taggare la vostra pagina Facebook, utilizzando lo stesso metodo. Una pagina Facebook non può invece taggare una persona a meno che l’amministratore della pagina sia un amico personale di quella persona.
Taggare troppo su una sola pagina può essere considerato spam. Non esagerare.

Ticker – Il Ticker è una delle nuove funzionalità di Facebook ed è collocato sulla barra laterale destra del News Feed. Facebook ha dovuto affrontare il problema della quantità di articoli diretti al feed degli utenti, per cui ha deciso di adottare dei criteri di priorità (con EdgeRank). Ma anche così, con troppi elementi pubblicati il newsfeed era difficilmente utilizzabile. Viceversa, schermando troppo i post,  gli utenti si arrabbiavano poicè mancavano le cose….
La risposta di Facebook è stata il Ticker, che posta le “storie di attività”, come commentare la foto o il post di qualcuno, effettuare il check-in, usare apps, fare Like su una pagina.
Il News Feed conterrà aggiornamenti di stato e messaggi da amici e pagine che ti piacciono.

Timeline – Pensa a questo elemento come la storia della tua vita, Facebook-style.Mentre  il News Feed aggiunge nuove storie quando vengono inserite, la funzione Timeline consente di determinare la quantità di informazioni personali sulla propria vita che si vogliono condividere attraverso questa visione lineare della propria vita. La Timeline è al momento disponibile solo per i profili personali, ma probabilmente arriverà anche sulle pagine ad un certo punto.

Wall –  è la lavagna elettronica sulla vostra pagina di Facebook, il luogo dove pubblicare contenuti e i vostri fan possono inviare i loro commenti. Prima della Timeline il wall era utilizzato anche sui profili personali per pubblicare e ricevere commenti. E’ disponibile un campo vuoto che consente fino a 5000 caratteri di commenti che poi vengono pubblicati premendo il pulsante “Condividi”. È anche possibile postare link, foto, video, o domande. I fan e le altre pagine di Facebook possono taggare la tua pagina e il messaggio apparirà sul tuo “Wall” (della tua pagina…).

STEP 4: CREA LA TUA PAGINA

Ora che hai il gergo, è il momento di sistemare  la tua pagina. La tua pagina dovrebbe essere un luogo caldo e accogliente per le persone e dovrebbe dare ai fan potenziali un quadro chiaro su quello che è la vostra attività.
La prima cosa da considerare è l’aggiunta alla tua pagina Facebook di una pagina di benvenuto personalizzata nota anche come welcome page. Avrete già visto questa tab di benvenuto navigando  su Facebook. E’la pagina su cui tu atterri, che può incoraggiare a fare Like sulla pagina prima di andare sul Wall.  Le Welcome Page possono essere semplici come una immagine che ti dice di più sull’attività, oppure possono essere più complesse, con una seconda immagine o informazioni dietro la prima immagine, nota come contenuto “Fan Only”, o unreveal tab.

Immagine di benvenuto: le schede personalizzate sono fondamentali per accogliere i vostri fan potenziali, per raccontare loro di più sulla tua attività, ed avere nuovi “Likers”. Infatti, dagli studi informali realizzati risulta che è possibile aumentare la vostra conversione, alche al 50% per il solo fatto di avere una scheda personalizzata di benvenuto.
Come si fa a creare queste schede personalizzate? Si creano con un’applicazione iFrame. È possibile creare la propria applicazione iFrame, ma il modo più semplice per andare a questo proposito è quello di utilizzare una delle applicazioni di terze parti iFrame già disponibili. Ecco alcune delle applicazioni di Facebook che possono aiutare a creare la tua scheda personalizzata.

•  Il Wildfire iFrame applicazione è attualmente gratuito e funziona molto bene. È facile da installare ed ha l funzione  “Fan-only”. È possibile utilizzare un’immagine come pagina di benvenuto o se si vuole giocare di fantasia, è possibile fare un po ‘di programmazione HTML.

•   TabSite ti permette di creare più schede all’interno della tua scheda personalizzata in modo che è possibile creare un mini-sito web. Potrai progettare la tua scheda personalizzata sul loro sito web e poi caricarlo sulla tua pagina.
http://www.shortstack.com/  shortstack è un’altra grande applicazione iFrame se non si conosce la codifica HTML e volete qualcosa di più personalizzato.

•   Lujure iFrame è un’altra applicazione che è facile da usare se non si conosce la codifica con la loro drag-and-drop di progettazione. La loro opzione gratuita è dotato di una scheda e hanno la funzione “fan-only”. Installi questa applicazione direttamente dal loro sito.
•   Pagemodo è molto facile da usare se si desidera avere più immagini e non si conosce nulla di codifica.

Una volta che si aggiunge una scheda personalizzata, occorre assicurarsi di impostarla come Tab di atterraggio predefinita per i non Fans. Una volta che avranno fatto Like sulla pagina, atterreranno sempre sul vostro Wall. Per impostare la scheda di atterraggio predefinito, fare clic sul pulsante Modifica pagina in alto a destra, si atterrerà sulla scheda Gestione Autorizzazioni, selezionare il menu a discesa accanto alla scheda di destinazione predefinita e selezionare il nome della scheda personalizzata che è stata installata.
Altra cosa da considerare per la vostra pagina è quella di aumentare la dimensione della tua immagine del profilo. La tua foto profilo può essere fino a 180 pixel di larghezza per 540 pixel di altezza e si consiglia di utilizzare questa possibilità.

un esempio di immagine sfruttata al limite

Se si dispone di un designer, questo può essere fatto facilmente. Se avete bisogno di un designer, è possibile trovare quelli economici attraverso http://www.elance.com o http://www.odesk.com

Una volta che avete la vostra nuova immagine profilo, è possibile caricare e regolare seguendo questi passaggi:

Fare clic sul pulsante Modifica pagina in alto a destra della vostra pagina.

Selezionare Immagine Profilo di cruscotto pagina.

Fare clic sul pulsante Scegli file per trovare la vostra nuova immagine profilo.

Una volta caricato, allora sotto l’immagine, fare clic sul link Modifica miniature per selezionare la porzione dell’immagine che si desidera visualizzare accanto ai tuoi post.

Si consiglia di aggiungere un po ‘Applicazioni aggiuntive alla vostra pagina Facebook. Ecco un elenco di alcune applicazioni, seleziona quelle che hanno senso per il tuo business:

NetworkedBlogs – Questa applicazione consente di importare il vostro blog automaticamente nella vostra parete ogni volta che avete un nuovo post. Di più su come impostare questa funzione in seguito.
RSS Graffiti – Questa applicazione consente di importare qualsiasi feed RSS nel vostro wall .
Pavment – Utilizzare questa applicazione per creare una vetrina virtuale sulla vostra Fan Page. Se si dispone di un prodotto, si può facilmente vendere direttamente dalla Fan Page. È anche possibile impostarlo in modo che i fan possano ottenere sconti speciali disponibili solo per loro.
Cause – Utilizzare questa applicazione se sei un’organizzazione senza scopo di lucro. Si può raccogliere fondi per la vostra causa all’interno di Facebook.
MarketPlace – Questa applicazione viene utilizzata da Realtors, Concessionarie auto e Appartamenti lista di case, auto e appartamenti.  Usato per  vendita e annunci di lavoro.
Booshaka – Questa applicazione mostra un elenco dei migliori fan della settimana, in base alle interazioni che hanno avuto con la tua pagina
FAnofthe – Questa applicazione individua automaticamente il Fan della settimana sulla base delle interazioni e posta un messaggio  ogni settimana.
Involver – Per alcune interessanti apps. Hanno una applicazione YouTube e l’applicazione Twitter che consente di importare informazioni da questi social media in apposite schede sulla vostra pagina Facebook.

STEP 5: CREARE UN CALENDARIO DEI CONTENUTI

E’ importante dedicare un po’ di tempo alla pianificazione di un calendario editoriale, decidere quali contenuti postare, e quando farlo. Una delle domande più frequenti è infatti “Che cosa devo pubblicare?” Un calendario editoriale fornisce una road map e consente di non dover iniziare con una pagina bianca cercando di capire cosa si vuole comunicare ai propri clienti.
Un calendario di contenuti offre una panoramica di cosa si sta inviando in modo da poter garantire che si coprono tutti i temi e prodotti che si desidera coprire . Assicura che non ci siano troppe ripetizioni. Ti costringe a pensare a ciò che è importante e cosa non lo è in modo da non cadere nella trappola di postare un contenuto solo per riempire un vuoto.
Si possono avere due tipi di calendari contenuto.
Uno è un percorso più ampio di promozioni ed eventi speciali da mettere in evidenza durante l’anno.
L’altro è un calendario settimanale che può dare struttura al contenuto quotidiano come link di terze parti,  foto, Fan della settimana, ecc
il vostro calendario di contenuto settimanale  potrebbe ad es. apparire così:

  • Lunedi mattina: collegamento a sito esterno con un articolo interessante
  • Lunedi pomeriggio: foto (potrebbe essere un prodotto o un evento dietro le quinte)
  • Martedì mattina: un post del tuo blog (ammesso che produci un articolo a settimana)
  • Martedì pomeriggio: Domanda del giorno (potrebbe essere a proposito di un evento, di notizie, una questione sociale, per sapere di cosa si sta occupando la vostra nicchia)
  • Mercoledì mattina: Fan della Settimana (evidenziare una Fan Page o Fan, che ha contribuito alla conversazione)
    È possibile utilizzare una applicazione Facebook, come Fan della Settimana di pagine o Booshaka per aiutarvi a decidere.

Questa è l’idea, Una volta steso un programma dei contenuti, il vostro pubblico conoscerà il vostro modello e potranno apprezzare i vostri eventi settimanali. Un calendario di contenuto generale aiuta a vedere il vostro modello di marketing su Facebook, rispetto a tutte le altre attività di marketing in modo da poter evitare duplicazioni, rafforzare ciò che si vuole rinforzare, coordinare le attività tra i vari media, e consente di sviluppare un approccio equilibrato di messaggi in bacheca, eventi  dal vivo , concorsi e altri strumenti di Facebook.

STEP 6: CAPIRE EDGERANK & L’ARTE DELL’INGAGGIO

E’ fondamentale comprendere che Facebook, nonostante il suo “fascino rustico”, è a tutti gli effetti un Business, creato per fare soldi. E come tutti i modelli di business legati ai contenuti giornalistici, proprio come ogni fornitore di buoni contenuti, Facebook cerca di dare al suo pubblico  un contenuto che abbia 3 caratteristiche: popolare, pertinente e tempestivo.

la formula magica

Questi tre attributi che Facebook individua nel peso (rilevanza), affinità (popolarità), e tempo di decadimento (tempestività) compongono la EdgeRank. Queste tre cose sono i “confini” che l’algoritmo di Facebook “classifica” per determinare quali contenuti è probabile che siano più interessanti per il pubblico.

L’affinità è il punteggio tra lo spettatore e il creatore del contenuto. (the edge creator)  Quanto si è strettamente legati alla persona che crea il contenuto determina questo punteggio.

Il peso è il valore dato ai commenti e alle azioni che ogni dato Post riceve dalla tua community FB. Più loro esprimo Like, commenti, tag, maggiore è la rilevanza che un post acquisisce per la comunità in generale.

Tempo di decadimento è proprio questo, la decomposizione del valore del contenuto col passare del tempo. La notizia di oggi è una notizia. Notizia di ieri è storia…

Più spesso tu ed i tuoi clienti commentate, cliccate, fate Like e taggate contenuti, più evidenti saranno i tuoi contenuti e sarà più probabile che i contenuti vengano visualizzati nella loro news feed.
Ottenere un EdgeRank alto è subordinato alla creazione di contenuti che invoglino le persone  a cliccare su di essi, in un modo o nell’altro, ed a farlo in modo coerente.
Se diamo alle persone  contenuti che trovano interessanti, loro faranno sicuramente qualcuna della azioni previste su FB, e questo aumenterà il punteggio EdgeRank e porterà ad una maggiore relazione su Facebook.
È possibile utilizzare il sito web indipendente www.Edgerankchecker.com  come  strumento per misurare il vostro punteggio. Questo strumento fornisce solo una stima di come si sta coinvolgendo il pubblico e non è un punteggio effettivo di Facebook. Come bonus, lo strumento ti dice in quali giorni la tua pagina ottiene il miglior ingaggio.
Non date per scontato che la gente risponda solo perché hai dato loro contenuti interessanti. A volte serve chiedere una risposta. Se guardi i contenuti di siti di successo su Facebook è possibile notare che quasi sempre chiedono un certo tipo di attività alla fine. Che ne pensi? Sei d’accordo? Ti viene in mente altri modi per incoraggiare le persone a dare un contributo? Utilizzando queste domande ci si attende una maggiore risposta dal pubblico.
Con le ultime modifiche in Facebook, è ancora più importante otttenere interazioni, affinchè il nostro messaggio possa diventare una “top Story”.
La Top Story ha una visibilità maggiore, e rimane in evidenza anche se nel frattempo ci sono altre storie + recenti.


Come già detto al punto  1 di questa guida, uno dei più nuovi parametri di Facebook che misura il vostro coinvolgimento con il pubblico,  è la statistica “persone che stanno parlando di”  Questo numero vi darà una buona immagine dei vostri livelli di interazione. Guarda l’andamento di questo numero nelle vostre statistiche di FB “Insights”

STEP 7: ALLESTIRE UNO SPETTACOLO
In Facebook si parla di comunità, corretto? Quindi puoi sfruttare Facebook per aggregare la comunità insieme in tempo reale (anche se virtualmente) e promuovere quel senso di solidarietà, di unicità, dei  vostri prodotti e delle persone, insieme a 50 o 50.000 del vostri fans…

Dedica un po’ di tempo per pensare al tipo di eventi che puoi ospitare su FB; alcune idee possono essere:

• Lancio di un prodotto, lo streaming di una conferenza stampa in diretta
• Ospitare un webinar
• Lanciare una festa Facebook
• Ospitare una chat in diretta sul tuo wall, con un esperto nella tua nicchia

Avrai bisogno di un app o plugin per i video, come http://www.facebook.com/ustream  o http://www.linqto.com/  ma gli eventi in diretta su Facebook permettono di comunicare direttamente ai vostri clienti e viceversa. Forniscono opportunità per coinvolgere i clienti in tempo reale mostrando i nuovi prodotti, fornendo informazioni vitali sui tuoi prodotti e servizi, o semplicemente esprimendo il vostro apprezzamento per i vostri fan, dando loro una esperienza unica rispetto al vostro marchio, qualcosa che possano facilmente condividere nei loro network parlando di te, gratis!
Se usare Video aumenta il livello di complessità, una soluzione molto semplice di interazione è la “live Chat” sul tuo wall. È possibile fare il moderatore della discussione, o semplicemente consentire ai vostri fans di postare direttamente domande all’esperto, ed ottenere una risposta diretta;  come bonus aggiunto, questa attività aiuta il vostro Edgerank!

STEP 8: FAI VINCERE IL TUO BUSINESS

Dedicate alcuni minuti a studiare le promozioni di alcune aziende, e poi domandatevi cosa potete fare voi per la vostra azienda, per arrivare a risultati simili a quelli raggiunti ad es. da Orea Cakesters (il loro contest ha raggiunto circa 4 milioni di utenti)
C’è una differenza tra una lotteria ed un concorso e questa  differenza è significativa su Facebook.

Nella lotteria si è attori passivi, si inserisce il proprio biglietto in un box (reale o virtuale che sia) e si attende di vedere quale biglietto fortunato viene estratto. Ma un concorso richiede a chi partecipa un minimo di creatività. Richiede che ci sia un coinvolgimento delle persone, e questo coinvolgimento porta alla rilevanza, che è un elemento che fa prosperare le relazioni su FB.

Oreo ha creato il Concorso Jingle Oreo. Il concorso ha chiesto alle persone di valutare il loro nuovo prodotto, Cakesters Oreo, chiedendo se secondo loro questi nuovi biscotti dovrebbero essere inzuppati nel latte come gli altri biscotti dell’azienda. E ha invitato la comunità di Facebook a votare le due versioni di un jingle di Oreo, offrendo loro anche la possibilità di inviare la propria video-interpretazione  della canzone. Il concorso ha colpito tutti i tasti giusti per Facebook.
E ‘richiesto alle persone di farsi coinvolgere votando, ha offerto loro l’opportunità di partecipare inviando i propri  video, ha fatto sentire i fans di Oreo fan coivolti dando peso alle loro opinioni, e ha mantenuto la comunità di Facebook focalizzata sul brand Oreo.
Ci sono alcune applicazioni che è necessario implementare per eseguire un concorso su Facebook (ad esempio, Wildfire, che è disponibile a partire da $ 5 per campagna e0,99 dollari al giorno),

alcuni altri contest per avere qualche ispirazione

http://apps.facebook.com/contestshq/

qui una serie di apps per generare contest. Scegliete quelle che più si addicono ala vostra attività.

http://www.northsocial.com/

http://www.strutta.com/

http://www.woobox.com/

http://www.shortstack.com/

http://www.votigo.com/

Fate ricerche per verificare l’esistenza di altri tipi di concorsi; in ogni caso, non dimenticate di:

. Integrare e promuovere il concorso su tutti i vostri media marketing

. Offrire premi che siano rilevanti per il tuo brand ed i tuoi prodotti, premi che faranno parlare del concorso anche quando questo sarà terminato.

. Leggi attentamente le regole dei concorsi su FB. Sono piuttosto pignoli, e vi chiuderanno il concorso se violate le regole. Dai un’occhiata qui http://www.facebook.com/promotions_guidelines.php

STEP 9: FAI PUBBLICITA’ ALLA TUA PAGINA
Il fatto che Facebook ci consenta di avere gratuitamente  pagine aziendali e profili personali, consentendoci di creare una nostra audience, e di avere statistiche sempre più dettagliate disponibili, non significa che non ci sia un loro specifico interesse nel farlo. Più aumentiamo il nostro pubblico, maggiore è il tempo che dedichiamo ad intrattenerlo su Facebook. Ma soprattutto per quanto noi ci si sforzi di postare contenuti interessanti e di qualità, non riusciremo mai ad interagire con il nostro pubblico come vorremmo. Da un lato il fatto che i new feed sono pieni di aggiornamenti, dall’altra la difficoltà di ottenere comunque un Hedgerank sufficiente a fare emergere il mio contenuto, sta di fatto che raggiungere realmente il nostro pubblico, non è così scontato con la sola interazione. Un tempo era possibile inviare meddaggi diretti ai fan della nostra pagina, ma oggi Facebook ha interrotto questa funzione.

Qual è dunque il miglior modo per comunicare realmente con il nuovo pubblico?
La risposta è fare pubblicità su Facebook.
A prima vista la pubblicità di Facebook assomiglia molto a sistemi di marketing sui motori di ricerca tipo Google AdWords. Potrai decidere quanto pagare per ogni click e quali sono i limiti di spesa giornalieri.
A parte questo, le differenze sono molte

Invece di parole chiave inseriremo  interessi e dati demografici. Oltre ad avere uno spazio per gli annunci di testo, come su Adwords e Bing, Facebook consente di avere anche un’immagine associata all’annuncio. E l’immagine è un elemento molto impostante per l’efficacia di un annuncio.

È anche possibile specificare un target a cui indirizzare la nostra comunicazione, sulla base del livello di istruzione, delgli interessi, la lingua parlata, la posizione geografica e ancora in base a criteri demografici, ed in base alle nostre scelte vedremo visualizzato a destra dello schermo il totale delle persone presenti su face book che corrispondono alle nostre impostazioni.

Vi è un secondo tipo di annuncio su Facebook chiamato ‘Sponsored Stories‘, che permettono di ri-pubblicare articoli che menzionano la tua pagina, i tuoi luoghi o le tue applicazioni.
Avrete la possibilità di distribuire i vostri contenuti al di fuori della vostra base di fan o forse semplicemente potrete dare ai  fans una seconda possibilità di vederlo. Le storie sponsorizzate in  genere possono essere meno costose rispetto alle Facebook ads.
Una caratteristica unica ed interessante della pubblicità su Facebook è la possibilità di “targhettizzare” in base alle connessioni degli utenti su Facebook. Si può indirizzare l’annuncio a persone che sono già Fan, persone che non sono  fan e, bersaglio preferito da tutti – gli amici dei tuoi fan. Queste sono persone che hanno alcune cose in comune con i vostri fan. Magari tra questi ci sono interessi per il tuo prodotto o servizio? La cosa buona degli annunci di Facebook è che non costano troppo, per provarli.

Per capire come va la gestione della nostra pagina, occorre studiare i dati. Ultimamente ci sono diverse modifiche importanti, già operative per gli utenti di lingua inglese.

E’ possibile accedere agli insights come amministratori delle pagine, alla voce “vedi dati” in alto a destra nella bacheca della pagina o sulla home, nella parte a sinistra (insights)
approfondimenti sugli insights

…………

Oltre agli insights con cui conoscere i comportamenti del nostro attuale e potenziale pubblico, ed avere i dati sui nostri plug-in, il bottone Like, o il nostro sito web, occorre conoscere la nostra reputazione in rete; ci sono vari strumenti per farlo, alcuni sono disponibili gratuitamente:

http://www.kurrently.com/

http://socialmention.com/

http://topsy.com/

http://www.howsociable.com/

http://www.tinker.com/

Conclusioni:

dopo aver letto questa guida, dovresti avere delle basi abbastanza solide per usare facebook per la tua attività. Ricorda che facebook è in continua evoluzione, resta aggiornato. Non avere paura di tentare strade che non sono state descritte qui  e usa la creatività.

condividi questo post con chi vuoi.

fonte http://www.hubspot.com/

Facebook cambia, radicalmente. Una guida per non perdersi nei nuovi Insight.

Facebook ci ha ormai abituato a continui cambiamenti, con improvvise accelerazioni. E’ di questi giorni un importante upgrade che riguarda gli Insights, le statistiche relative alle Fan Pages. I cambiamenti per chi si occupa di markeing su facebook, sono davvero rivoluzionari. Alcuni dei dati oggi visibili (purtroppo per ora solo x gli utenti di lingua inglese) nella sezione Insights delle proprie pagine erano fino ad oggi solo stimati utilizzando gli strumenti a disposizione. Viste le tante novità introdotte con gli ultimi aggiornamenti (che arriveranno a breve anche per gli utenti italiani), ecco una guida alle definizioni più o meno nuove che troveremo su FB.

Un’anteprima dei nuovi Insight:

3metriche fondamentali: Applause rate, conversation e amplifiction rate. Oggi Fb ce le fa vedere.

le principali metriche dei Nuovi Insight di FAcebook

1) Active Users – Utenti attivi:
Queste sono le persone che hanno interagito con la tua pagina, l’hanno vista o hanno usato contenuti generati dalla tua pagina, nel corso di un periodo di tempo.

2) Unique Users vs. Total Count:
Unique Users: il numero di utenti univoci monitorati per un certo periodo di tempo.
Total Count: Il numero di interazioni complessive tracciate per un certo periodo di tempo.
Esempio: Se dovessi interagire con una Pagina 5 volte in un giorno sarei contato come utente univoco, ma farebbe aumentare il loro numero totale di 5.

 3) Locale:
lingua dell’utente di Facebook

4) Total Page Reach:
Il numero di persone che hanno visto qualcosa della tua pagina in un certo periodo di tempo; include annunci sponsorizzati e storie.

5) Viral vs organici:
Virale: quando l’interazione con la pagina è generata dalla pubblicazione dei contenuti della stessa nei feed delle singole persone, e questi contenuti vengono a loro volta visti dai “loro” followers.
Organic: Quando pubblichi qualcosa e e lo vedoni i tuoi fan/iscritti
Esempio: Se dovessi fare un post in cui parlo del mio ultimo acquisto, ed allegassi il link di una pagina FB, questo sarebbe considerato come un azione virale, perché i miei amici / utenti lo vedrebbero nei loro news feed. Al cotrario, se una marca avesse pubblicato sul suo wall un post che parlava dello stesso oggetto ed io l’avessi letto sul mio wall, questo sarebbe considerato come un’azione organica.

6) Saw Your Page:
persone che hanno visto il contenuto associato con la tua pagina nella loro news feed.

7) Story Type:
Tutto ciò che genera i contenuti che finisce in un feed

‘8) News:
Possoo essere messaggi video, messaggi link, aggiornamenti di stato, commenti sui contenuti, nuovi piace a una pagina, ecc

9) Talking about Pagina:
numero totale di persone uniche che hanno creato una storia di qualsiasi genere a proposito della tua pagina o pubblicat direttamente sulla vostra pagina. Questo include piace pagina, i post muro, parla, e qualsiasi tipo di interazione con uno dei tuoi post.
Talking about è il concetto chiave del word of mouth, conoscere il dato direttamente da FB, è un'altra cosa.

10) Sources:
identifica gli elementi da cui i tuoi fans vengono atratti ; che sia un aggiornamento di stato, un post video, un link ad un nuovo articolo

11) Page Active Users:
Definizione: Il numero di persone che hanno interagito con o visualizzato la tua pagina o dei suoi messaggi. Questo include le interazioni da fan e non fan. (Unico)
Che cosa significa veramente: se qualcuno ha commentato / ILike / condiviso la tua pagina o messaggi dalla tua pagina viene incluso qui. comprende sia i fan e non fan.
Disponibile per: Utenti Unici
Scale di temporizzazione disponibili: giornaliero / mensile / settimanale

i grafici e le stats sui singoli post, una grande novità i FB

anteprima delle statistiche sui Post della pagina

 12) Età pagina Utenti
Definizione: Età degli utenti attivi
Disponibile per: Utenti Unici
Scale di temporizzazione disponibili: giornaliero

13) Pagina della città di provenienza degli Utenti
Definizione: Le principali città di provenienza degli utenti attivi
Disponibile per: Utenti Unici
Scale di temporizzazione disponibili: giornaliero

14) Paese pagina Utenti
Definizione: principali paesi di utenti attivi (Unique)
Disponibile per: Utenti Unici
Tempo di Campi disponibili: giornaliero

16) Pagina Sesso Utenti
Definizione: Sesso degli utenti attivi (Unique)
Disponibile per: Utenti Unici
Tempo di Campi disponibili: giornaliero

17) Pagina Utenti attivi per Sesso ed Età
Definizione: dati demografici Sesso ed età degli utenti attivi
Disponibile per: Utenti Unici
Scale di temporizzazione disponibili: giornaliero

18) Pagina Luoghi Utenti
Definizione: luoghidi provenienza degli utenti attivi (Unique)
Che cosa significa veramente: Lingue principali degli utenti attivi
Disponibile per: Utenti Unici
Scale di temporizzazione disponibili: giornaliero

19) Page Audio Plays
Definizione Facebook  : Numero di volte che i file audio della tua pagina sono stati riprodotti
Che cosa significa veramente: Questo è abbastanza auto-esplicativo, così lasceremo così come sono.
Disponibile per: Utenti unici o totali
Scale di temporizzazione disponibili: giornaliero

20) Page Comment Adds
Definizione Facebook: Commenti creati sui contenuti della tua pagina (conto Unico o totale)
Disponibile per: Utenti Unici o conteggio totale
Scale di temporizzazione disponibili: giornaliero

21) Page Comment Adds Source
Definizione Facebook: provenienza de nuovi commenti sui contenuti della tua pagina (Unici o totale)
Che cosa significa veramente: Da dove sono originati i nuovi commenti sulla tua pagia
Disponibile per: Utenti unici o totali
Scale di temporizzazione disponibili: giornaliero

22) Page Comment Removes
Facebook: Commenti eliminati dai conenuti della tua pagina
Disponibile per: Utenti Unici o conteggio totale
Scale di temporizzazione disponibili: giornaliero

23) Page Consumptions
Definizione: Il numero di persone che hanno cliccato su qualsiasi contenuto senza generare una storia.
Che cosa significa veramente: Le persone che hanno dato un “mipiace” o commentato un post, senza che quest’azione abbia generato un post all’interno del loro feed
Disponibile per: Utenti Unici o totali
Scale di temporizzazione disponibili: Giorni giornaliera / settimanale / 28

24) Page Consumptions by Consumption Type
Definizione Facebook: Il numero di persone che hanno cliccato su qualsiasi contenuto senza generare una storia, per tipologia. (Contenuto singolo o totale)
Che cosa significa veramente: Le persone che hanno cliccato “mipiace” su un post o commentato, ma non hano generato un post all’interno dei loro feed, suddivisi per tipo.
Disponibile per: Utenti Unici o totali
Scale di temporizzazione disponibili: Giorni giornaliera / settimanale / 28

25) Page Discussions
Definizione: Discussioni create sulla bacheca della tua pagina
Disponibile per: Utenti Unici o conteggio totale
Scale di temporizzazione disponibili: giornaliero

26) Page Engaged Users
Definizione Facebook: Il numero di persone che ha interagito con la vostra pagina. il tipo di impegno comprende ogni clic. (Unico)
Disponibile per: Utenti Unici
Scale di temporizzazione disponibili: Giorni giornaliera / settimanale / 28

27) Nuovi Fan della pagina – Page Fan Adds
Definizione Facebook: Il numero di persone nuove che hanno espresso “MiPiace” sulla tua pagina
Disponibile per: Utenti Unici o totale
Scale di temporizzazione disponibili: giornaliero

28) Page Fan Adds Source

Definizione Facebook: Si tratta di un’analisi dettaliata del numero dei “mipiace” alla pagina, in bse ai luoghi più comuni in cui le persone sono in grado di esprimere “mipiace” alla tua pagina. Nota: questo non include tutte le aree di FB in cui gli utenti possono sceliere la tua pagina.
Che cosa significa veramente: Questo numero evidenzia da quali aree arrivno i mipiace ala tua pagina Nota: i luoghi di provenienza possono (e saranno) diversi per pagine diverse.
Disponibile per: Utenti Unici o conteggio totale
Scale di temporizzazione disponibili: giornaliero

29) Fan Page Removes
Facebook Definizione: Il numero di “non mi piace +” alla tua pagina
Disponibile per: Utenti Unici o conteggio totale
Scale di temporizzazione disponibili: giornaliero

30) Fan Page Removes source
Facebook Definizione: Fonte dei “nonmipiace+” alla vostra pagina
Che cosa significa veramente: da dove arrivano i “nonmipiace+” alla tua pagina.
Disponibile per: Utenti Unici o conteggio totale
Scale di temporizzazione disponibili: giornaliero

31) Page Fans
Definizione Facebook : Il numero totale di persone che hanno clikkato “mipiace” sulla tua pagina.
Disponibile per: conteggio totale

32) Page Fans Age
Definizione Facebook: Età dei followers della pagina
Disponibile per: conteggio totale
Scale di temporizzazione disponibili: Lifetime

33) Page Fans By Like Source
Definizione Facebook: Il numero di persone che hanno clikkato “Mipace” sulla tua pagina, suddivisi per le origini di provenienza dei “mipiace”.
Che cosa significa veramente: Questo numero è il numero totale di piace alla tua pagina, suddivisi per i luoghi da cui la gente tende esprime il “mipiace” alla vostra pagina. Nota: ogni pagina avrà le sue specifiche aree di possibile contatto.
Disponibile per: Utenti Unici o conteggio totale
Scale di temporizzazione disponibili: giornaliero

Provenienza dei nuovi fans della pagina  -elenco delle possibili fonti

34) Page Fans City
Definizione: dati aggregati delle posizioni FB, ordinati per città, dei fans della tua pagina
Disponibile per: conteggio totale
Scale di temporizzazione disponibili: Lifetime

35) Page Fans Country
Definizione Facebook: dati aggregati della posizione FB, ordinati per paese, sui Fans la tua pagina
Disponibile per: conteggio totale
Tempo di Campi disponibili: Lifetime

36) Page Fans Gender
Definizione Facebook: statistiche sul Sesso dei Fans…
Disponibile per: conteggio totale
Tempo di Campi disponibili: Lifetime

37) Page Fans Gender Age
Definizione Facebook; dati demografici aggregati sui fas della pagina sulla base delle informazioni su età e sesso che forniscono nei profili utente
Disponibile per: conteggio totale
Scale di temporizzazione disponibili: Lifetime

Per capire chi è che sta parlando della nostra pagina...

Per capire chi è che sta parlando della nostra pagina...

38) Page Fans Locale
Definizione Facebook: dati linguistici Lifetime aggregati sui fans della pagina in base alla impostazione della lingua predefinita selezionata quando si accede a FB
Che cosa significa: le lingue parlate dai vostri fans, sulla base dei criteri di auto selezione impostati di default
Disponibile per: conteggio totale
Tempo di Campi disponibili: Lifetime

39) Page Friends of Fans
Facebook Definizione: Il numero di persone che sono amici dei tifosi della tua pagina. è stimato. (Unico)
Il tempo a disposizione Range: giornaliero

40) Page Impressions
Definizione Facebook: Il numero di persone che hanno visto il contenuto associato alla pagina
Disponibile per: Utenti Unici o conteggio totale
Scale di temporizzazione disponibili: Giorni giornaliera / settimanale / 28

41) Page Impressions by Age & Gender
Definizione: distribuzione totale delle impressions per età e sesso (Unico)
Scale di temporizzazione disponibili: 28 Giorni

42) Page Impressions by City
Definizione Facebook: distribuzione totale della pagina in base alle città di provenienza dei Fans
Scale di temporizzazione disponibili: Giorni giornaliera / settimanale / 28

43) Page Impressions by Country
Definizione Facebook: distribuzione totale della pagina in base al paese di provenienza dei Fans
Scale di temporizzazione disponibili: Giorni giornaliera / settimanale / 28

44) Page Impressions by Locale
Definizione Facebook: distribuzione totale della pagina in base alla lingua parlata dai Fans
Scale di temporizzazione disponibili: 28 Giorni

45) Page Impressions by Story Type
Definizione Facebook: numero totale di persone che hanno visto una storia sulla tua pagina, per tipo di storia. (Conto Unico o totale)
Scale di temporizzazione disponibili: Giorni giornaliera / settimanale / 28

46) Page Impressions Frequency Distribution
Definizione: Il numero di persone raggiunte dalla tua pagina rispetto a quante volte la gente ha visto contenuti della tua pgina.
Che cosa significa veramente: questi dati mostrano quante persone hanno visto la pagina analizzando la frequenza di visita della tua pagina. Mostrerà il numero di persone che hanno visto la pagina 1 volta 2 volte vs vs 3 volte rispetto a 4 ecc…
Disponibile per: Utenti Unici
Scale di temporizzazione disponibili: Giorni giornaliera / settimanale / 28

47) Page Impressions Organic
Definizione Facebook: Il numero di persone che hanno visitato la tua pagina, o visto la tua pagina o un suo post in news feed o ticker. Queste persone possono essere fan o non fan.
Scale di temporizzazione disponibili: Giorni giornaliera / settimanale / 28

48) Page Impressions Paid
Definizione: Il numero di persone che hanno visto un post o un annuncio sponsorizzato che punta verso la pagina
Disponibile per: Utenti Unici o conteggio totale
Tempo di Campi disponibili: Giorni giornaliera / settimanale / 28

49) Page Impressions Viral
Facebook Definizione: Il numero di persone che hanno visto la vostra pagina o uno dei suoi messaggi, attraverso una storia pubblicata “da un suo amico”. Queste storie possono essere il “mipiace” sulla tua pagina, i post sul Wall, i “mipiace” sui post, i commenti e la condivisione di uno dei tuoi post, le risposte ad una domanda che hai postato, o ad uno dei tuoi eventi, e menzioni alla tua pagina, il phototagging o il check-in al vostro Luogo.
Scale di temporizzazione disponibili: Giorni giornaliera / settimanale / 28

Fonti di provenienza delle persone engaged

50) Page Impressions Viral Frequency Distribution
Definizione Facebook: Il numero di persone raggiunte da un post pubblicato da un amico, rispetto a quante volte la gente ha visto posts che parlavano della tua pagina

51) Page Like Adds
Definizione Facebook: Mi Piace ai tuoi contenuti, non alla tua pagina.
Scale di temporizzazione disponibili: giornaliero

52) Page Like Adds Source
Definizione Facebook: Fonte dei “mi piace” ai contenuti della pagina
Scale di temporizzazione disponibili: giornaliero

53) Page Like Removes
Definizione Facebook: le persone che si sono rimosse dala tua pagina
Scale di temporizzazione disponibili:  giornaliero

54) Page Like Removes Source
Definizione Facebook: Provenienza delle disiscrizioni alla pagina
Scale di temporizzazione disponibili: giornaliero

55) Page Photo Views
Definizione Facebook: Numero di volte che le foto della pagina sono state visualizzate
Tempo di Campi disponibili: giornaliero

 56) Page Photos
Definizione Facebook: le foto postate sulla pagina
Tempo di Campi disponibili: giornaliero

57) Page Posts Impressions
Definizione Facebook: Il numero di persone che hanno visto uno dei post della tua pagina.
Tempo di Campi disponibili: Giorni giornaliera / settimanale / 28

58) Page Posts Impressions Frequency Distribution
Definizione Facebook: Il numero di persone che hanno visto i post della tua pagina, suddivisi per quante volte la gente visto i tui post.
Che cosa significa veramente: questi dati vi mostrano il numero di persone che hanno visto i post della tua pagina analizzati per frequenza. sarà possibile vedere quante persone hanno visto il post 1 volta vs 2 volte contro 3 volte rispetto a 4 volte, ecc
Scale di temporizzazione disponibili: Giorni giornaliera / settimanale / 28

59) Page Posts Impressions Organic
Definizione Facebook: Il numero di persone che hanno visto i post della tua pagina nelle loro news feed o ticker, o sul wall della tua pagina
Scale di temporizzazione disponibili: Giorni giornaliera / settimanale / 28

60) Page Posts Impressions Paid
Definizione Facebook: Il numero di persone che hanno visto i post ella tua pagina in un annuncio o una storia sponsorizzati.
Disponibile per: Utenti Unici o conteggio totale
Scale di temporizzazione disponibili: Giorni giornaliera / settimanale / 28

61) Page Posts Impressions Viral
Definizione Facebook: Il numero di persone che hanno visto i post della tua pagina attraverso una storia pubblicata da un amico
Scale di temporizzazione disponibili: Giorni giornaliera / settimanale / 28

total reach: Organic, Viral, Paid

62) Page Review Adds
Definizione Facebook: Nuove recensioni create per la vostra Pagina
Scale di temporizzazione disponibili: giornaliero

63) Page Stories
Definizione Facebook: Il numero di storie create a proposito della tua pagina (Totale)
Che cosa questo significa in realtà: quando la tua pagina viene taggata in un messaggio di qualcun altro

64) Page Stories by Story Type
Definizione Facebook: Il numero di storie sulla tua pagina per tipo di storia
Questo accade quando la pagina viene taggato in messaggio di qualcun altro e poi è ripartito per tipo di storia.
Scale di temporizzazione disponibili: Giorni giornaliera / settimanale / 28

65) Page Story Adds
Definizione Facebook: Il numero di persone che condividono storie relative alla tua pagina. Queste storie possono essere i “mi piace” della tua pagina,i post al wall della pagina, i “mipiace, commenti o la condivisione di un post della tua Page, le risposte ad una domanda o ad uno dei tuoi eventi, le menzioni alla tua pagina, phototagging o il check-in al vostro Luogo

freely traslated from the source 

10 suggerimenti per sviluppare una comunità fedele e aumentare le conversioni

Uno dei post più significativi di questa settimana sull’Internet marketing ci offre alcuni spunti per “sviluppare la fedeltà al marchio”, aumentare le conversioni e far crescere una comunità di fan ATTIVI.
Fare spamming sul proprio database, grande o piccolo che sia, non è più una strategia efficace per chi non ha immensi database (e nemmeno per Loro)
In sostanza, fare SOCIAL merketing non può significare “Voglio monetizzare la mia comunità e incassare!” come obiettivo principale…
Riuscire ad offrire contenuti di valore senza pretendere in cambio un ritorno immediatamente economico, ma conversando con le persone che interagiscono con noi e le nostre aziende, cercando di aumentare, prima del ROI, le altre metriche di amplificazione sociale.

Patrick Daugherty offre 10 suggerimenti per evitare di far sentire i propri followers delusi dopo essere stati adescati (“Bait & switch“) una sorta di sindrome che a suo avviso costituisce la causa più potente dell’inattività della comunità, e della conseguente riduzione dei numeri.

Ecco i primi 10 modi per sviluppare la fedeltà di un brand, aumentare le conversioni e far crescere una comunità “attiva” di fan a lungo termine:

1. Fornire partecipazione personalizzata e riscontri senza voler vendere a tutti i costi
Non è social media MARKETING: è SOCIAL media marketing. Non sono numeri, prospect o potenziali vendite future. Sono persone che vogliono essere impegnate con e da voi in una forma che arricchisce la loro giornata. L’individuo, non importa quanto “autorevole” (o meno), merita di essere rispettato come essere umano con dei suoi valori (oltre al suo conto in banca…). E’ di fatto il principio di reciprocità: sii il primo a dare un servizio, un’informazione o delle concessioni.

2. Essere un connettore di persone affini ed il centro di scenari win-win.
“cerca di essere a contatto con più business che puoi … e di essere un connettore”.

3. Comprendere la loro motivazione DI FONDO.
“La gente non compra quello che fai, la gente compra il perché lo fai.” Non basta fare la cosa giusta, occorre convincere le persone che si sta facendo per la giusta ragione, per il loro interesse. Nell’attuale clima del marketing online questo non è mai stato più vitale! Capitelo, e voi sarete in grado di dare loro più di quello che vogliono. Per fare questo è necessario avere ben chiaro il nostro target di riferimento, conoscere ciò che è maggiormente importante per loro e quali sono le loro  motivazioni principali.

4. Offrire frequenti opportunità di partecipare
Non basta offrire concorsi semplice, bisogna offrire coinvolgimento. E ‘la ragione per cui le aziende che ci riescono raccolgono migliaia di commenti per ogni post!

5. Mantieni la tua  partecipazione su argomenti di loro interesse.
Il tuo punto di contatto sociale è “casa tua”, ed occorre essere gentili con gli ospiti
Bisogna capire che i contenuti rilevanti sono utili di per sé, rafforzano la tua reputazione e sono loro stessi “marketing”.

6. Essere un aggregatore di contenuti di qualità.
Clay Shirky ha detto: “Non è un sovraccarico di informazioni, è il fallimento del filtro.” Siate il filtro per la vostra comunità su ciò che è rilevante per loro e loro non dovranno andare in altri luoghi….

7. Mostra le testimonianze nei tuoi confronti, quando possibile.
Se ci si autocelebra, si appare egocentrici, i complimenti di altri invece ci fanno apparire delle celebrità… (Robert Cialdini, teoria e pratica della persuasione, 2009)

8. Dai la priorità al fornire un’esperienza unica.
Crea un’esperienza che porti con sé emozioni positive. Quando si dà accesso ad informazioni uniche e preziose, si interagisce in un modo che li fa sentire speciali, ecc, si fidelizza la propria comunità , si genera il passaparola e si ottengono risultati non raggiungibili dall’alto di una vetta…

9. Rendi utilizzabili i contenuti che fornisci
Se vuoi che persone si ricordino di te, il modo migliore è fornire qualcosa che è facile da implementare e utilizzare. Non solo da leggere, guardare o ascoltare, ma da usare.

10. Cerca opportunità per fornire valore senza porre condizioni.
Il livello di valore che fornisci nel tuo blog / sito, la qualità dell’ interazione sui social media e il libero dare via contenuti devono essere in grado di reggersi da soli. Offri alcuni dei tuoi migliori contenuti (alcuni, non tutti). Perché? Tim Sanders ha scritto un grande libro chiamato “L’amore è la Killer App“, e lui è al 100% concentrato sul denaro. Pensateci, cosa trasmette una migliore sensazione: dire “Ti darò A, se fate B per me” oppure dire: “tieni, questo è A… te lo do perché penso che tu sia ok”.

Case History – Una campagna Facebook per spingere un evento reale

Nel mese di luglio ci è stata affidata la comunicazione digitale per lo Yoga Festival di Milano, che si è tenuto dal 14 al 16 ottobre in Via Tortona, presso il Superstudio.

Il brief era molto sintetico: aumentare il numero di partecipanti all’evento, ed accrescere la conoscenza del sito http://www.yogafestival.it e della pagina facebook.

L’unico contenuto fornitoci dal cliente era l’elenco dettagliato degli espositori e degli eventi.

Per ognuno dei protagonisti del festival, è stata fatta un’analisi approfondita in rete, per ottenere per ciascuno di essi almeno 3 tipologie di contenuti (testi, video ed immagini).

Gli aspetti commerciali e tecnici dell’evento erano garantiti dai link che puntavano al sito yogafestival.it, mentre i contenuti degli espositori erano attractors con caratteristiche non prettamente commerciali, ma funzionali ad una buona fruibilità delle pagine Facebook.

I contenuti culturali erano di diverso genere, alcuni molto alti specifici (ad es. un testo indiano di 70 pag…) ed altri che assumevano un contesto molto amplio rispetto all’argomento (ad es. contenuti legati all’alimentazione bio).
Questi contenuti sono stati dapprima catalogati, e successivamente attraverso un’applicazione da noi realizzata (Ubik) li abbiamo diffusi in modo sistematico sulle 4 pagine del circuito, con un principio di rotazione oraria, ed evitando la ripetizione degli stessi in un periodo inferiore ai 20 giorni.

Obiettivi centrali di questa operazione erano l’aumento delle iscrizioni ai corsi sul sito, ed allo stesso tempo fornire agli utenti una serie di contenuti di qualità che rendessero piacevole la fruizione.

Tecnicamente siamo intervenuti sviluppando un’apposita Welcome page, per fidelizzare strutturalmente l’utente alla pagina, e sono stati inseriti sul sito di riferimento i componenti sociali (badges e bottoni) che richiamavano la pagina Facebook YogaFestival.

La personalizzazione del sito yogafestival.it è stata molto importante a nostro avviso. Il confronto con le pagine Fb a cui non corrispondevano dei siti internet che lavoravono in sinergia con la pagina stessa dimostra chiaramente che è importante usare i social come canale di diffusione, ma gli stessi consentono di ottimizzare i risultati in termini di ROI solo se collegati a siti web di appoggio.

Altra criticità era costituita dal fatto che la maggioranza di contenuti non derivavano dai siti di riferimento. Questo ha diminuito l’effetto di ecosistema tra Fb ed i  contenuti proposti.

Come corollario sono state generate piacevoli osservazioni da parte dei titolari dei contenuti, che hanno visto incrementate le visite ai loro siti senza capirne le motivazioni.

Tutta questa attività di diffusione di contenuti ha, come ci aspettavamo, creato un’ulteriore condivisione degli stessi tra le persone che seguivano la pagina, generando tra gli appassionati di Yoga quel buzz fondamentale affinché l’opera di propagazione divenisse efficace.

A proposito di metriche:
Un effetto diretto di queste azioni di programmazione, è stato l’aumento delle interazioni all’interno della pagina FB.
In partticolare: il primo di luglio la pagina aveva 2618 active users, il 16 di ottobre, i monthly active users sono 6508 

YogaFestival - utenti attivi mensilmente da luglio a ottobre 2011

La campagna è stata gestita con i soli strumenti di propagazione dei contenuti fino a 15 giorni prima dell’evento. Dopodichè abbiamo inserito una minicampagna di ads a supporto dell’evento e della pagina.

Il report della mini-campagna su YogaFestival

Questa campagna ha portato ad un aumento di circa 230 partecipanti all’evento, ed ha generato diverse centinaia di nuovi fans alla pagina, facendo crescere in modo sensibile anche le visite al sito, a cui le persone erano indirizzate per iscriversi ai diversi seminari ed eventi presenti all’interno del Festival.

Il grafico dell'andamento gnerale dlla pagina YogaFestival

Da questo grafico si evince l’incremento costante degli utenti che hanno interagito con la pagina, chiaramente in crescendo in prossimità dell’evento.

Breve storia: la pagina facebook di Yogafestival nasce a novembre 2010, mentre le altre 3 pagine utilizzate per la condivisione dei contenuti, derivano originariamente da profili utenti convertiti da noi in pagine pubbliche attraverso l’apposita procedura FB.

I numeri: abbiamo condiviso 210 contenuti differenti, che sono stati veicolati da 12 a 16 volte al giorno, dal 1° luglio ad metà ottobre, sulle 4 pagine del circuito, per un totale di 1550 post pubblicati. Nonostante tra gennaio e luglio 2011 fossero stati organizzati due Yoga Festival a Roma e Merano, la mancanza di una campagna sociale strutturata aveva generato solo 300.000 impressions dei contenuti su Facebook. Nei soli mesi da luglio ad ottobre, la pagina ha superato 1.000.000 di impressions (consideriamo che erano 3 mesi estivi), osservando i grafici si possono agilmente ricavare anche il totale delle impressions generate dall’intero ecosistema di pagine.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Per concludere: possiamo dire che il lavoro di 3 mesi su Facebook (non sono stati utilizzati altri canali sociali per questa campagna) ha prodotto una buona crescita della pagina in termini di pubblico e di conoscenza dell’evento. La prima fonte di traffico al sito yogafestival.it è divenuta rapidamente facebook (con circa il 50% delle visite provenienti da FB), ed il ritorno in termini di risultato è stato ampiamente superiore alle aspettative.

Il 98% dei giovani americani usa Facebook

Questa interessante analisi arriva da oltre oceano e ci offre uno spaccato interessante sugli usi dei media digitali da parte della popolazione americana.

http://www.experian.com/assets/simmons-research/brochures/2011-social-media-consumer-report.pdf

Il dato + evidente è quello che riguarda i giorvani dai 18 ai 24: risulta infatti che ben il 98% di loro usa in modo intensivo i social network, preferendoli agli altri strumenti e canali online.

Se questo trend sarà seguito anche in Europa, come spesso accade per i comportamenti statunitensi, possiamo dire che FB, ed i social che riusciranno a fare massa critica (in primis G+, nonostante alcune criticità), saranno il media più importante per generare quel buzz tanto importante affinché un brand possa farsi conoscere in modo realmente virale e spontaneo. L’unico modo in cui oggi una comunicazione risulta essere realmente efficace.

Non parliamo più di colpire un target, ma di “risuonare insieme” (definizione di Ninja Marketing) alle persone che sono interessate ai nostri servizi ed ai nostri prodotti. Ben sapendo che quell’interessamento durerà per il tempo in cui le aziende riusciranno ad ingaggiare con i propri clienti un rapporte realmente proattivo, non considerandoli più dei semplici consumatori, ma dei Pro-sumers da rispettare e con cui condividere le scelte e confrontarsi, quotidianamente, in rete.

Chi non sarà in grado di rispettare i propri clienti, probabilmente non riuscirà a presidiare in modo soddisfacente i social media, ed anzi, forse, farà bene a star fuori da certi canali.

Quali metriche per i social network

http://www.kaushik.net/avinash/best-social-media-metrics-conversation-amplification-applause-economic-value/

Dagli USA un’approfondita analisi dei possibili criteri di misurazione della azioni sociali. L’autore delinea 4 tipologie principali di risultati che sono misurabili in rete:

Conversazioni, Amplificazione, Applausi, Valore Economico

Per calcolare ognuna di queste metriche viene declinata una possibile formula:

1. Conversation Rate = # of Audience Comments (or Replies) Per Post

Un tasso di conversazione alto richiede una comprensione più profonda di chi è il nodstro pubblico, come è percepita la vostra marca, in che cosa si emerge, quale valore è possibile aggiungere a chi ci segue ed al nostro ecosistema.
Questa è una metrica molto interessante, ci costringe a fare la cosa giusta da subito. E comporta molto lavoro.
Un buon tasso di conversione è determinante per raggiungere gli altri obiettivi. Ed avere conversazioni significative con il proprio pubblico non può dipendere semplicemente da quanto si spende…
Questo non significa che occorra parlare di cose stupide per fare aumentare la conversazione, se questi temi non portano valore effettivo al vostro brand.
L’obiettivo di questa analisi non è quello di manipolare le metriche, si misura per sapere se stiamo aggiungendo valore al nostri affari.

2. Amplification rate, dipende dai canali che stiamo usando:

Su Twitter:

Amplification = # di Retweets Per Tweet

Su Facebook, Google Plus:

Amplification = # di Shares Per Post

Su un blog, YouTube:

Amplification = # di Share Clicks Per Post (o Video)

(Share clicks = numero di volte che i pulsanti dei social media sono stati utilizzati per diffondere il contenuto.)

Man mano che post e tweet vengono amplificati, è possibile verificare dove la propagazione avviene, e comprendere se i nostri contenuti si propagano oltre la nostra cerchia di contatti.
E dall’analisi di quali sono i contenuti maggiormente condivisi, sarà possibile dedurre ciò che il pubblico vuole / ama.
Strada facendo, nel corso del tempo la rete di 2 ° livello diventa il primo livello di rete … grazie alla qualità dei tuoi contenuti
Anche questo, onestamente, non si può comprare.

Un altro efficace sistema per comprendere la propria audience, è quello di:

3. Misurare gli Applausi: Applause rate

a seconda dei canali utilizzati possiamo schematizzare in questo modo:

Su Twitter: Applause Rate = # di Favorite Clicks Per Post

On Facebook: Applause Rate = # di Likes Per Post

On Google Plus: Applause Rate = # di +1s Per Post

On a Blog, YouTube:  Applause Rate = # di +1s and Likes Per Post (or video)

Questa metrica, oltre a farci capire cosa piace o non piace alle persone, consente all’autore del contenuto di emergere sui motori di ricerca, proprio grazie agli endorsement che i nostri fan/followers hanno espresso con i loro “Ilikes”.
Dal proprio contributo disinteressato dentro i social (attraverso un contenuto di valore) si ricevono quindi dei feedback che generano un reale valore per il proprio business.
È per questo che si misura Applause rate, influisce in modo davvero sostanziale!

Le metriche precedenti, pur se importanti, non sono sufficienti per giustificare investimenti delle aziende, se non supportate da un valore economico effettivo che possa derivare dalle azioni sui canali sociali. Sebbene la presenza sui canali social non possa essere finalizzata solo all’aumento delle vendite, sappiamo che parte di coloro con cui interagiamo sui social si convertiranno in acquirenti di alcuni dei nostri prodotti servizi, online ed offline. E’ possibile misurare in concreto il valore economico di queste conversioni.

Possiamo dire che in ogni canale social

4. Economic Value =  Somma delle revenue generate nel breve e lungo periodo e della diminuzione di costi

il compito di chi pianifica sui social è quello di identificare quella freccia blu, e la box arancione (ciò che essa rappresenta ed il suo valore). Non è molto difficile, richiede solo un po’ di pazienza e fantasia.
Una volta  segmentata la strategia di acquisizioni, soprattutto, è possibile ricondurre i risultati ad ogni canale in cui si partecipa.
La vista sarà simile a quello qui sotto, da Google Analytics:

Da una tabella del genere possiamo ricavare non solo piccola quantità di valore aggiunto diretto per il business, ma posso dedurre esattamente quali canali stanno contribuendo ed in che percentuale. Non si può essere in ogni canale sociale appare in rete, ma questi dati possono indicarci dove è importante esserci.

Ora, ricapitolando; se è certo che l’uso dei social ci consente di gestire il rapporto coi i nostri clienti, e crearci un’immagine e darci un tono nella nostra comunicazione, avendo un rapporto diretto con i clienti e ricevendone feedback essenziali per la propria attività, se non riusciamo a quantificarne l’efficacia anche dal punto di vista di un maggior valore economico derivante dalla presenza sui social, questi saranno sempre relegati ad un ruolo subordinato nelle strategie di marketing e comunicazione delle vostre società.

Per ora non esistono strumenti che ci consentano di analizzare in modo semplice tutte le metriche analizzate, ma probabilmente è questione di tempo. qui c’è un esempio dell’analisi di 3 delle 4 metriche di cui sopra:

Manca il valore economico, ma a questo si può arrivare con strumenti tipo analytics…

Se siete impegnati in azioni di advertising per avere ritorni diretti, iol valore economico entra in gioco da una prospettiva strategica. Esso copre sia il valore immediato (entrate tramite conversioni macro) e il valore a lungo termine (valore economico attraverso la conversione a microonde).

per quanto ci si possa intrigare con gli altri dati, è solo al “value per Acquisition” che dobbiamo puntare…!

Per chiudere, dimentichiamoci dei vecchi schemi di marketing che hanno funzionato fino ad oggi, e ripensiamo a nuovi modi, creativi e contagiosi…, per stare in contatto con i nostri clienti.